Telefono: 331-3311691

INTOLLERANZE ALIMENTARI: PERCHÈ FARE IL TEST?

gennaio
9
2017

Capita a volte, pur senza essere affetti da una malattia precisa, di soffrire di disturbi ricorrenti e persistenti di cui non si riesce a venire a capo: gonfiori, capogiri, cefalea, stanchezza cronica, dermatiti o improvvisi cambiamenti di peso, ma anche astenia, insonnia, forme lievi di depressione. La causa potrebbe essere un’ intolleranza alimentare.
L’organo coinvolto in questo processo è in primo luogo l’intestino, che recepisce alcuni cibi come “tossici”, coinvolge il sistema immunitario e scatena le reazioni infiammatorie.Le intolleranze alimentari sono una reazione lenta, subdola e progressiva dell’intestino che non tollera l’ingestione di certi cibi, come ad esempio il grano, i latticini, le uova, ecc. A differenza delle allergie, le intolleranze si manifestano gradualmente e non in modo violento. I sintomi non si manifestano subito dopo l’ingestione del cibo ma possono affiorire col tempo. Sono soprattutto problemi gastrointestinali, dermatologici o respiratori. Nello studio di Desenzano, designato come Daphne Point, puoi effettuare anche il test per le biontolleranze alimentari dei laboratori Daphne Lab. Il test misura oltre 600 intolleranze nutrizionali attraverso un’indagine in biospettrofotometria con qualità conforme ISO 9001. Oltre alle biontolleranze, presso lo studio si può prenotare il test del DNA, tra i test proposti c’è la predisposizione genetica all’intolleranza al lattosio, il test per la predisposizione alla malattia celiaca per la ricerca del morbo celiaco, e il test di nutrigenetica a 21 mutazioni ELgenetix™. CHIEDI INFORMAZIONI A JENNY FONTANA! 

Ultimi articoli

arancionero